Hauptinhalt

Variante II: validazione delle competenze sulla base di verifiche delle competenze

La validazione delle competenze (VC) è una procedura di qualificazione riconosciuta dalla Confederazione. Permette a formatori/trici con esperienza di acquisire i certificati dei moduli FFA tramite una procedura di validazione delle competenze, vale a dire, senza dover frequentare il corso corrispondente. È richiesta un’esperienza professionale di almeno cinque anni.

Richiesta di validazione secondo la variante 2

Al fine di poter avviare una procedura di validazione delle competenze secondo la variante II occorre procedere come segue:

Autovalutazione*Nell’autovalutazione* vanno descritte le competenze nell’ambito della formazione degli adulti in maniera chiara, esplicita e comprensibile anche a terze persone.
foglio informativo autovalutazione
Controllo delle competenzeQualora non potesse attestare le sue competenze tramite dei documenti probatori ha la possibilità di dimostrare le sue competenze tramite una procedura di verifica delle competenze.
Livello 1 e 2: per i moduli APF-M1 e APF-M5 la verifica avviene sotto forma di visita di un/una esperto/a in un vostro corso. Per i moduli APF M2-M4 deve invece redigere un lavoro personale (simile al lavoro richiesto per l’ottenimento del certificato modulare in caso di frequenza al corso).
Le esigenze precise e i criteri di valutazione delle competenze per i differenti moduli sono illustrati nel dettaglio dei descrittivi modulari (Livello 1 e 2: APF-M1 – APF-M5 e livello 3 D-M1 – D-M6). I documenti si trovano sul sito web nelle sotto pagine dedicate ai titoli rilasciati dal sistema modulare FFA.

*Eccezione: per il modulo APF M1 variante 2 non è necessaria l’autovalutazione.

Le visite ai corsi e i lavori scritti sono valutati da esperti ed esperte VC. Trovate maggiori dettagli sulle procedure nella Guida alla VC.