Hauptinhalt

Valutazione della normativa eduQua 2012

  • 04.08.2017

Più del 90% degli istituti di formazione continua certificati eduQua sono contenti del label e della procedura. Questo uno dei risultati del recente questionario erogato dal segretariato eduQua che ha coinvolto 445 persone. La sfida più grande oggi e in futuro è rappresentata dall’impegno necessario per l’ottenimento della certificazione.

Da 17 anni eduQua cura la qualità nella formazione continua. Cinque anni fa ha avuto luogo una revisione della normativa eduQua, trascorso questo periodo di pratica con la nuova normativa era tempo di verificare gli effetti del cambiamento e la soddisfazione degli enti certificati con l’attuale sistema. Il risultato dell’inchiesta mostra che, sia per le grandi istituzioni che per le piccole, vi è soddisfazione rispetto alla norma e rispetto alla procedura. Il maggior cambiamento nella norma è rappresentato dalla suddivisione della certificazione in tre procedure A, B, C. I risultati mostrano come la maggior parte dei rispondenti provenga dalle piccole istituzioni.

Utilizzo e sfide

Un tema importante per gli erogatori di formazione continua sono le risorse che sono necessarie per la garanzia della qualità. Mantenere basso il bisogno di risorse e alta la qualità delle offerte di formazione è una delle sfide del prossimo futuro. Le influenze esterne, come ad esempio l’onnipresente tema della digitalizzazione è nominato da alcuni come ostacolo. Queste sfide molto legate alla pratica sono una chance per eduQua e il segretariato può e sostenere le istituzioni affinché mantengano moderato il costo per le risorse.

Dati dello studio
Delle 922 istituzioni certificate eduQua hanno risposto al questionario 445 persone. Il sondaggio è stato inviato in marzo 2017 ed è stato creato ed elaborato dalla FSEA. I rispondenti possono essere suddivisi per le seguenti categorie:
Provenienza: 54% Svizzera tedesca, 38% Romandia e 8% Ticino.
Dimensione dell’istituzione: procedura A (meno di 25'000 lezioni/partecipanti all’anno) 58%, procedura B (da 25'000 a 100'000 lezioni/partecipanti all’anno) 21% e il 9% è rappresentato dagli istituti che hanno seguito la procedura C (più di 100'000 lezioni/partecipanti all’anno). Il 12% dei rispondenti non ha fornito indicazioni sulla procedura adottata.
Funzione ricoperta: 65% responsabili, 19% quadri intermedi, 6% collaboratori e il 10% di essi non ha indicato la propria funzione.