Hauptinhalt

I risultati PISA sono anche un segnale per la formazione continua

  • 03.12.2019

Gli studenti svizzeri leggono sempre peggio. Le lacune dei quindicenni di oggi dovranno essere colmate in età adulta. Si tratta di una sfida per la formazione continua.

(RS) Ogni tre anni l'OCSE pubblica i risultati dello studio PISA. L’ultimo studio si concentra sulle capacità di lettura degli alunni di 15 anni. I risultati indicano una tendenza al continuo peggioramento di tali competenze. Lo studio sottolinea che il rendimento degli alunni svizzeri è in linea con la media OCSE. Tuttavia, secondo gli autori, questi sono segnali di avvertimento.

Effetti sulla vita quotidiana e professionale
È stato riscontrato che le prestazioni di lettura dei giovani sono diminuite di 8 punti tra il 2015 e il 2018. Inoltre, anche la dispersione delle prestazioni di lettura è aumentata tra il 2015 e il 2018, indicando una tendenza all'aumento del divario di prestazioni tra i lettori più deboli e quelli più forti. Si può dire che in Svizzera negli ultimi anni, in particolare il gruppo di lettori relativamente deboli è stato colpito da un ulteriore calo delle prestazioni. Nel complesso, lo studio rileva "un aumento della percentuale di allievi svizzeri che non sono sufficientemente competenti nella lettura per affrontare le sfide della vita quotidiana o del lavoro".

Necessità di offerte di formazione per adulti
I giovani in questione si porteranno queste debolezze nella loro vita adulta e influenzeranno le loro opportunità di carriera. Per questo motivo, sono necessari programmi mirati di formazione degli adulti, che possano essere seguiti da persone che si trovano di fronte a difficoltà di lettura o a carenze di altre competenze di base. Non sono solo necessarie delle offerte concrete, ma è altrettanto importante l'informazione e la sensibilizzazione degli adulti in questo contesto.

Nel settore delle competenze di base, la Svizzera è certamente allarmata; la Confederazione e i Cantoni hanno adottato diverse misure. Tuttavia, queste misure sono ben lungi dall'essere sufficienti a coprire la domanda effettiva. Nei prossimi mesi il Parlamento di Berna si occuperà della distribuzione dei fondi federali per la formazione. Nel cosiddetto messaggio ERI, tuttavia, la formazione continua rappresenta ancora una voce estremamente esigua. I risultati dell'attuale studio PISA vanno letti nel senso che i compiti di formazione continua tenderanno ad aumentare piuttosto che a diminuire in futuro, il che dovrebbe riflettersi anche nella distribuzione dei fondi.

Scaricare lo studio

L'attuale studio PISA rileva il peggioramento nelle capacità di lettura degli studenti. (Immagine: Pixabay)