Hauptinhalt

La Confederazione crea condizioni quadro ed è ampiamente soddisfatta

  • 14.06.2019

In vista della giornata della politica della formazione della FSEA abbiamo chiesto ai nostri membri di formulare delle domande al consigliere federale Guy Parmelin. Purtroppo, nel corso dell’evento, non è stato possibile rispondere a tutte. Per questo motivo le abbiamo riassunte e le abbiamo proposte al Consigliere federale nel corso di un'intervista.

Intervista di Ronald Schenkel sulla base delle domande dei soci della FSEA

La digitalizzazione sta cambiando radicalmente il mercato del lavoro. Molti posti di lavoro e intere professioni stanno scomparendo e se ne stanno nascendo di nuove. Quali strategie ha il Consiglio federale per far fronte a questo cambiamento?

Guy Parmelin: Non può essere compito del Consiglio federale, quasi come calato dall’alto, determinare quali professioni cambieranno o addirittura scompariranno e quali persone hanno bisogno di formazione continua o riqualificarsi. Queste informazioni e l'impulso corrispondente devono provenire dal basso, dal mondo del lavoro stesso. Le parti sociali, l'industria e le associazioni professionali svolgono un ruolo centrale in questo contesto determinando il contenuto della formazione professionale e della formazione continua adattandola alle esigenze attuali.

Il compito della Confederazione in questo sistema è quello di garantire un quadro funzionante per l'apprendimento lungo tutto il corso della vita. Per quanto riguarda la formazione continua, queste condizioni quadro appaiono generalmente buone: per la maggior parte delle persone in Svizzera non ci sono ostacoli insormontabili alla partecipazione alla formazione continua. La soddisfazione per la situazione della formazione continua è generalmente molto buona. L'offerta è ovviamente anche ben adattata alla domanda: quasi nessuno nel corso dei rilevamenti dei dati ha dichiarato di non aver partecipato a corsi di perfezionamento professionale perché non aveva trovato nulla di adatto.

Quali gruppi target occorre prendere particolarmente in considerazione?

C'è un ambito in cui, dal punto di vista della Confederazione, è necessario intervenire e si tratta di quello facente riferimento alle persone poco qualificate senza un titolo di studio secondario II, persone che non dispongono delle competenze di base necessarie per poter partecipare alla vita sociale e al mercato del lavoro a lungo termine. In questo ambito sono attivi la Confederazione e i Cantoni. In parole chiave: qualifica professionale per adulti e promozione delle competenze di base per adulti. Le competenze di base comprendono la lingua locale, la matematica del quotidiano e, più attuale che mai, l'uso delle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

In che modo la Confederazione intende potenziare in particolare la promozione delle competenze di base?

La Confederazione, sulla base della nuova legge sulla formazione continua, ha stretto accordi con i Cantoni per la promozione delle competenze di base attraverso la formazione continua. Sostiene fino al 50% dei costi dei corrispondenti programmi cantonali. D'altro canto, nel 2018 la Confederazione ha lanciato il programma di promozione «Competenze di base sul posto di lavoro». In questo contesto, sostiene i programmi di formazione continua proposti dalle aziende affinché i dipendenti possano rispondere alle esigenze del mondo del lavoro odierno. Anche le competenze linguistiche e l'applicazione delle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione sono al centro dell'attenzione.

Con il messaggio ERI 2021-2024, che il Consiglio federale adotterà all'inizio del 2020, il Consiglio federale mostrerà al Parlamento come proseguire e, se necessario, come intensificare queste misure e quali mezzi finanziari dovrebbero essere messi a disposizione a tal fine.

Inoltre, occorre promuovere ulteriormente il potenziale di manodopera qualificata a livello nazionale. Come si relaziona all'iniziativa sul personale qualificato? In particolare, come si possono rafforzare le persone over 50 per il mercato del lavoro? Quale è il ruolo della formazione continua per la Confederazione?

Alla fine del 2018, l'iniziativa sul personale qualificato è stata trasformata in una politica permanente.

Nell'ambito della qualificazione, ad esempio, ci sono attività a favore delle qualifiche professionali per adulti o l'introduzione di contributi federali diretti per i diplomati che hanno seguito corsi di preparazione agli esami federali.

Nell'ambito delle conferenze nazionali sui «lavoratori in età avanzata», negli ultimi anni la Confederazione, i Cantoni e le parti sociali si sono concentrati su una pianificazione attiva delle carriere che affronta tempestivamente le opportunità e i rischi sia per i lavoratori che per i datori di lavoro.

Il 15 maggio di quest'anno il Consiglio federale ha adottato misure supplementari per i lavoratori anziani. Tra le altre cose, vuole offrire gratuitamente agli adulti di età superiore ai 40 anni, una valutazione della situazione individuale, l’analisi del potenziale e l’orientamento di carriera. Inoltre, deve essere migliorata la convalida delle prestazioni di formazione degli adulti che desiderano acquisire successivamente una qualifica professionale. L'attuazione di queste misure è attualmente in lavorazione in collaborazione con i Cantoni.

Anche la qualificazione superiore è uno strumento importante per mantenere l'occupabilità. Quale importanza attribuisce la Confederazione alla formazione professionale superiore in questo contesto?

La formazione professionale superiore è una pietra angolare per le qualifiche professionali superiori. Dal 2018 la Confederazione sostiene direttamente i partecipanti ai corsi di preparazione agli esami professionali riconosciuti a livello federale e agli esami professionali superiori, coprendo il 50% dei costi dei corsi. Stiamo anche lavorando per migliorare il posizionamento delle scuole specializzate superiori.

Molte persone non seguono delle formazioni continue perché hanno poche conoscenze in merito alle offerte ed evitano le consulenze per vari motivi. Nell’ambito della Vision formazione professionale 2030, vi è una particolare necessità nell'orientamento professionale, universitario e di carriera che deve essere rivalutato e coordinato a livello nazionale. Come si può raggiungere questo obiettivo?

A gennaio 2019 ha preso avvio un progetto in questo senso.

L'obiettivo è quello di sviluppare una strategia nazionale per nell'orientamento professionale, universitario e di carriera. Da un lato, si tratta, di fornire alla popolazione dei Cantoni servizi nel modo più uniforme possibile e, dall'altro, di coordinare l'ulteriore sviluppo al di là dei confini cantonali. Sostenere gli adulti nel loro sviluppo professionale sta diventando sempre più importante in questo settore (informazioni aggiornate sul progetto).

La formazione continua non sempre deve essere direttamente orientata alla professione. Tuttavia, i loro effetti sulla salute o sulla partecipazione alla vita sociale non devono essere sottovalutati. Perché la formazione continua generale per adulti, quella che non è orientata alla qualificazione professionale, non è presa in considerazione nella politica della formazione della Confederazione?

Secondo la legge sulla formazione continua, ogni individuo è prima di tutto responsabile della propria formazione continua. Lo Stato e quindi anche la Confederazione sono attivi solo in via sussidiaria.

Circa un terzo della popolazione partecipa alla formazione continua extraprofessionale. Lo Stato non interferisce nelle decisioni individuali. Tuttavia, fornisce un sostegno finanziario per una serie di cose, compresa la formazione continua non professionale. Si pensi, ad esempio, alle biblioteche, ai musei, alle conferenze pubbliche nelle università o alla formazione continua nel campo della promozione dello sport.

In modo sussidiario, la Confederazione è attiva anche in tutti questi settori, come previsto dalla Costituzione e dalla legge, e spesso al di fuori delle forme tradizionali come per i corsi e al di fuori del campo della formazione vera e propria, vale a dire nella promozione della cultura, nella promozione dello sport, nella promozione della salute, ecc.

La Legge federale sulla cooperazione internazionale in materia di educazione è in revisione. Quale importanza attribuisce la Confederazione alla cooperazione internazionale in materia di formazione continua?

La revisione della legge federale sulla cooperazione internazionale in materia di educazione è in corso. La procedura di consultazione si è conclusa il 24 maggio 2019.

La revisione totale mira a colmare le lacune nel contenuto e nella forma e ad ampliare le possibilità strategiche per la futura concezione della politica di finanziamento della Confederazione. Pertanto, non dovrebbe più esserci un legame rigido con i Programmi dell'UE e dovrebbero essere possibili anche Programmi con partner non europei. La revisione non crea nuove condizioni di finanziamento. Come in passato, la formazione continua fa sicuramente parte della "formazione".

Attualmente, tuttavia, e alla luce delle discussioni sull'accordo quadro istituzionale tra la Svizzera e l'UE, sarebbe prematuro parlare concretamente delle priorità future della cooperazione internazionale in materia di formazione.

Per il consigliere federale Guy Parmelin, il compito principale della Confederazione nella formazione continua è quello di creare condizioni quadro favorevoli. (Foto Christine Strub/SVEB)