Hauptinhalt

“La formazione continua avrà un ruolo importante nella transizione verso la democrazia”

  • 08.12.2020

Dalle elezioni presidenziali della scorsa estate, la popolazione bielorussa è scesa in piazza contro Lukashenko. A questo il regime reagisce con arresti e violenze. Anche Sasha Kuzmich, responsabile di progetto dell’associazione mantello bielorussa per la formazione continua, è sfuggita per un pelo agli scagnozzi di Lukashenko. In un'intervista, spiega come continua a lottare per la democrazia in Bielorussia dal suo esilio ucraino.

Intervista di Martina Fleischli, responsabile dei progetti internazionali FSEA


Sasha, dopo che cinque dei tuoi amici sono stati arrestati, sei fuggita in esilio a Kiev con altri amici. Come va?
È sopportabile, sono a Kiev da tre settimane. All'inizio ero piena di energia e avevo una piccola riserva finanziaria, avevo risparmiato per questo caso. Ma dopo una settimana non mi era rimasto nulla, mi mancavano i beni di prima necessità: un tetto sopra la testa e il cibo. Dalla mia vita ordinata, essere catapultata in questa situazione di incertezza è stato per me totalmente travolgente. Inoltre, mi sono ammalata di Covid, fatto che mi ha bloccata completamente.

Come hai fatto ad uscire da questa situazione?
Con l'incredibile solidarietà della popolazione di Kiev e delle organizzazioni bielorusse. Ora posso di nuovo soddisfare le mie esigenze di base. Personalmente ho accettato la perdita del controllo e mi sento più in forma e sono piena di fiducia.

Come è la tua routine lavorativa giornaliera?
A causa della pandemia di Coronavirus, il lavoro e parte della formazione si svolge comunque online. Ecco perché non ha quasi importanza se lavoro a Minsk o a Kiev. Lentamente si sta sviluppando una routine. Anche per quanto attiene la vita privata, cerco di tenermi in contatto con gli amici e di incontrarmi, per esempio, per cene virtuali come molti hanno fatto durante il Lockdown. La grande differenza è che ora sono in una bolla: mi mancano lo scambio e la rete. Tutto questo richiede molto più impegno e io ottengo meno di quanto ottenevo da casa.

In Bielorussia, il presidente autoritario Alexander Lukashenko è al potere da 26 anni. Dopo la sua rielezione in agosto, centinaia di migliaia di persone si sono ribellate. Perché all'improvviso questa grande resistenza?
Prima delle elezioni vivevamo in una dittatura, il controllo dell'economia e della vita pubblica era normale mentre ora viviamo in una dittatura militare. Gli oppositori politici del presidente vengono assassinati, imprigionati, violentati. In altre parole, prima avevamo solo un cattivo manager come capo di Stato, ora abbiamo un tiranno violento. L'incertezza tra la popolazione è enorme: dall'inizio di agosto i bielorussi non sanno se torneranno a casa la sera o se sopravvivranno alla giornata.

Qual è la situazione attuale della formazione continua in Bielorussia? Ci si può pensare?
È interessante notare come alcuni enti di formazione senza scopo di lucro stanno attualmente vivendo un boom. Quando i movimenti civici sono decollati in agosto, molti enti di formazione hanno risposto tenendo workshop di educazione civica nei giardini, per esempio. Attualmente, questi workshop si svolgono online e la domanda è ancora alta.

Quale è la situazione per gli enti formativi commerciali e pubblici?
Il momento è molto difficile per loro, non c'è richiesta dei loro servizi in questi tempi incerti. Per gli enti pubblici invece, come l’alta scuola pedagogica, è praticamente "business as usual".

Quando due anni fa ho incontrato i rappresentanti degli enti di formazione continua in Bielorussia, sono rimasta colpita dal loro grande impegno e dall'alto livello di professionalità. Uno degli obiettivi del nostro progetto comune è quello di migliorare ulteriormente la qualità della formazione continua. Quale ruolo svolge lo sviluppo e la garanzia della qualità nel contesto attuale?
La qualità nella formazione continua è importante per noi come associazione mantello per affrontare due problemi. In Bielorussia abbiamo già un'offerta di alta qualità per la formazione continua; i formatori dei corsi sono professionali e i contenuti didattici sono rilevanti e rispondono a un'esigenza reale. Tuttavia, un problema è il marketing: molti enti di formazione non sanno come pubblicizzare la loro offerta e posizionarla sul mercato.

E il secondo problema?
Il secondo problema è la qualità nella formazione online. Come già detto, c'è un boom di offerte online. Tuttavia, molti enti di formazione sono sovraccaricati dall'implementazione. ALLLE come associazione mantello supporta gli enti di formazione in questo processo di trasformazione.

In Bielorussia è pieno inverno, quale situazione auspichi per il Paese e per la formazione continua entro l'estate?
Sono ottimista sul fatto che, con lo scioglimento della neve, anche la tirannia si scioglierà. Mi aspetto una transizione verso la democrazia. Ciò sarà accompagnato da un'apertura del mercato, e ci saranno più investimenti e concorrenza - anche per la formazione continua. Finora gli enti di formazione in questo paese hanno operato nelle loro piccole nicchie. Con l'apertura del mercato avrebbero accesso a un potenziale di interessati molto più ampio. Dovrebbero quindi essere in grado di prepararsi ad essere concorrenziali e vendere le loro offerte formative di alta qualità.

La formazione continua può promuovere anche la democrazia?
Assolutamente sì. L'ascesa dell'educazione civica continuerà certamente. È proprio in questo ambito che la formazione continua avrà un ruolo importante nella transizione verso la democrazia. Sarà parte integrante della vita della popolazione bielorussa.

"È sopportabile". Routine del lavoro da casa per Sasha Kuzmich, dell'Associazione bielorussa per la formazione continua, in esilio in Ucraina (zvg)

Educazione civica

L'educazione civica è intesa come l'educazione della società civile o l'educazione alla cittadinanza. L'obiettivo di questo modello formativo anglosassone è che i cittadini acquisiscano competenze civiche, cioè imparino a svolgere un ruolo in una società democratica.

Informazioni sul progetto: garanzia e sviluppo della qualità i Bielorussia

Il sistema di formazione continua in Bielorussia è molto frammentato, concentrato nei centri urbani, e c'è poca comparabilità tra i corsi offerti. L’associazione mantello per la formazione continua in Bielorussia, Association of Life-Long Learning and Enlightenment (ALLLE), vorrebbe cambiare questa situazione e promuovere la garanzia e lo sviluppo della qualità. La FSEA è disponibile a fornire consulenza in merito.

Obiettivi e misure 2017–2020

  • ALLLE sviluppa con i suoi membri un quadro di qualità nella formazione continua
  • ALLLE si afferma come centro di competenza per la formazione continua e per la garanzia e lo sviluppo della qualità
  • A medio termine, la cooperazione contribuisce a migliorare la qualità della formazione continua e a rafforzare la società civile.

Dal 2021, oltre al sistema di qualità, sarà promossa maggiormente anche la formazione dei formatori in Bielorussia. Il progetto è sostenuto dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).