Hauptinhalt

La scarsa alfabetizzazione tocca il 12% degli adulti tedeschi

  • 06.06.2019

Più di sei milioni di persone in Germania hanno difficoltà nella lettura e nella scrittura. Questo è il risultato di un recente studio. Per Cäcilia Märki, responsabile del settore competenze di base della FSEA, anche in Svizzera occorre intervenire.

Lo studio LEO è il più importante e rappresentativo studio nel campo delle competenze di base in Germania. Dopo la prima indagine del 2011, lo studio è stato condotto una seconda volta nel 2018. I risultati sono stati presentati a maggio in occasione della conferenza annuale AlphaDekade a Berlino. Il nuovo studio permette anche di fare considerazioni sugli sviluppi avvenuti in questo periodo di tempo. Infatti, emerge che il numero di persone con difficoltà nella lettura e nella scrittura è diminuito rispetto al 2011. Tuttavia, nel 2018 in Germania sono ancora 6,2 milioni le persone in questa condizione, vale a dire il 12,1% della popolazione adulta totale.  

Per ottenere un quadro differenziato, già nello studio Leo Level One del 2010 sono stati definiti quattro livelli: Livello Alpha 1 corrisponde al livello della lettera, Livello Alpha 2 al livello della parola e Livello Alpha 3 al livello della frase. Livello Alpha 4 descrive un'ortografia sorprendentemente errata, anche utilizzando un vocabolario comune e semplice. Il nuovo studio mostra che gli sviluppi nei singoli settori sono stati diversi.

Oltre ai dati più recenti, lo studio introduce anche un nuovo termine: "scarsa alfabetizzazione" che sostituisce "analfabetismo funzionale", quest’ultimo infatti è respinto da parte degli interessati in quanto stigmatizzante.

Cäcilia Märki, come valuta i risultati dello studio?

In linea di principio, è una buona notizia quando il numero di adulti con scarsa alfabetizzazione diminuisce. Tuttavia, 6,2 milioni o il 12,1% degli adulti in Germania è ancora un numero considerevole. È degno di nota che non vi sono stati cambiamenti ai livelli 1 e 2. Ai livelli 3 (livello della frase) e 4 (ortografia errata), tuttavia, il calo è significativo. Ci sono quindi solo pochi cambiamenti tra le persone più colpite dalla scarsa alfabetizzazione.

Perché questo? 

Le persone dei livelli Alpha 1 e 2 sono probabilmente le più difficili da raggiungere affinché partecipino ai corsi e hanno, inoltre, le minori opportunità sul mercato del lavoro. Il calo è dovuto, secondo Heike Solga, agli effetti delle politiche in materia di formazione, del mercato del lavoro e dell’integrazione degli ultimi anni. Queste ultime non riguardano le persone che stanno ai “livelli più bassi”.

Sappiamo quali siano gli effetti concreti responsabili del calo registrato ai livelli più elevati?

Il calo è influenzato da molti fattori, ma probabilmente non è così influenzato dall'aumento della partecipazione ai corsi di lettura e scrittura, anche se si è registrato un forte aumento delle offerte dei corsi di formazione per adulti. Un fattore importante, d'altro canto, è la composizione della società tedesca. La situazione è cambiata significativamente dal 2011 al 2018.

Secondo lei questo come influisce sulla scarsa alfabetizzazione? 

Oggi in Germania ci sono molte più persone la cui lingua madre non è il tedesco (18,1% nel 2010 rispetto al 22,6% nel 2018). L'età media della società è aumentata di un anno. Allo stesso tempo, il numero dei titoli di studio superiori è passato dal 31,4% al 37,2% e il tasso di occupazione della popolazione totale è salito dal 66% al 76%, ossia del 10%. Si tratta di cambiamenti considerevoli. Secondo Heike Solga, relatrice del comitato consultivo scientifico dello studio LEO 2018, la popolazione è diventata "più colorita, più anziana, più istruita e più impegnata". Questi cambiamenti nella composizione della popolazione hanno naturalmente un forte impatto sulla diffusione della scarsa alfabetizzazione, senza che gli individui facciano progressi o regrediscano.

Quali sono le nuove scoperte che lo studio illustra nel campo delle competenze di base?

Nell'ambito dello studio del 2018 sono state poste per la prima volta domande sulle "pratiche letterate", ovvero su come le persone fruiscano i servizi digitali, sanitari e finanziari.

Come esempio vorrei citare un risultato nel campo delle pratiche digitali. I ricercatori hanno anche chiesto informazioni sulle pratiche non legate alla lingua scritta e i dati mostrano chiaramente che l'uso delle funzioni audio/video nel contesto dei social media è a volte più elevato tra gli adulti con scarso livello di alfabetizzazione rispetto alla popolazione totale. Non è pertanto rilevabile un'esclusione generale dovuta alla digitalizzazione. Occorre esaminare più da vicino e utilizzare i risultati per quanto riguarda lo sviluppo di adeguate offerte formative e l'elaborazione di adeguati processi di partecipazione.

In questo contesto, trovo interessante il concetto di vulnerabilità introdotto dal team di ricerca. Non identifica un'esclusione sistematica dalla partecipazione sociale, ma una diversa "messa in ombra" nella vita quotidiana legata al grado di alfabetizzazione individuale.

Cosa significano i risultati della Germania per la Svizzera?
Purtroppo, non ci sono dati comparabili per la Svizzera.

Comunque, mi sembra interessante per la Svizzera la grande influenza data dalla politica della formazione, del mercato del lavoro e dell’integrazione per l’alfabetizzazione della popolazione. La Legge federale sulla formazione continua LFCo è una buona base in questo senso, in quanto prevede la promozione delle competenze di base nelle leggi speciali e un approccio coordinato da parte degli attori. La promozione delle competenze di base è una questione trasversale che deve essere affrontata congiuntamente. Non è quindi sufficiente concentrarsi esclusivamente sulla partecipazione ai corsi di lettura e scrittura.

Non vi è finanziamento della formazione continua né in Svizzera né in Germania dove potrebbe sfruttare il know-how e l'impegno esistenti sul campo. Mancano infatti sia in Svizzera sia in Germania programmi e strutture a più lungo termine che consentano di sviluppare un'offerta di formazione continua a livello nazionale, incentrata sui partecipanti, per tutti gli ambiti della vita.

Altre fonti

Presentazione del Prof. Anke Grotlüschen

Documentazione della giornata

Per la Svizzera non ci sono dati per un paragone con lo studio LEO (Foto: Università di Amburgo).