Hauptinhalt

Rapporto sul sistema educativo svizzero 2018: le persone scarsamente qualificate non ricevono la formazione continua adeguata

  • 19.06.2018

La formazione continua non livella le differenze di formazione, al contrario, il divario tra persone ben qualificate e persone poco qualificate si sta addirittura allargando. Questo è il risultato del "Rapporto sul sistema educativo svizzero 2018" appena pubblicato.

Il "Rapporto sul sistema educativo svizzero 2018" pesa molto, non solo per le sue 340 pagine, ma soprattutto per il suo contenuto. Il rapporto, redatto dal Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa (CSRE) sotto la direzione dell'economista della formazione Stefan Wolter, non è altro che una panoramica del sistema formativo svizzero. È stato commissionato dalla Confederazione e dalla Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE). La pubblicazione segue la struttura delle precedenti relazioni del 2014 e del 2010.

L’attuale Rapporto fornisce dati e informazioni esaurienti provenienti da numerose statistiche della ricerca e dell'amministrazione, suddivise in circa 500 argomenti; e si interroga sull'impatto della formazione sugli individui e sulla società.

Anche la formazione continua è un argomento

Il Rapporto si occupa anche della formazione continua dedicandovi 14 pagine, nelle quali si dichiara che la necessità di formazione continua è determinata esclusivamente in relazione alla formazione professionale, al mantenimento e allo sviluppo delle conoscenze (rilevanti dal punto di vista professionale) e ai cambiamenti tecnologici ed economici. La formazione continua non professionale rimane esclusa dal Rapporto. Inoltre, a causa della mancanza di dati empirici, il team di autori evita in gran parte di fare affermazioni sull'efficacia e sui benefici della formazione continua.

La formazione continua non è stata menzionata direttamente nella presentazione a Berna e neppure nei commenti di Stefan Wolter e in quelli del Consigliere federale Schneider-Ammann o della presidente della CDPE Silvia Steiner. Tuttavia, diversi fenomeni relativi la formazione formale si possono trovare nel capitolo “formazione continua”. Ad esempio, quando si parla delle diverse condizioni di partenza: quelle dei bambini all'inizio della carriera scolastica, quelle dei partecipanti alla formazione continua o quelle di chi si astiene dal continuare la formazione.

Nessun livellamento grazie alla formazione continua

A priori un’amara verità: la formazione continua non permette di portare allo stesso livello persone con diverse formazioni formali. Al contrario: anche le persone che hanno già a che fare con la formazione formale hanno maggiori probabilità di beneficiare della formazione non formale. Di conseguenza, il divario tra persone ben formate e poco formate continua ad aumentare, scrivono gli autori. La promozione delle pari opportunità nell'accesso alla formazione continua rimane pertanto una sfida centrale. Non da ultimo per le persone che sono immigrate in Svizzera ad un’età in cui il processo di formazione formale è di solito completato, tuttavia, la formazione continua offrirebbe anche l'opportunità di compensare i deficit di formazione. Se si vuole promuovere la loro integrazione permanente nel mercato del lavoro, il Rapporto sostiene che occorre innanzi tutto colmare le lacune nel settore della formazione formale. Tuttavia, in molti casi occorre anche creare le basi per questo. Se si vuole integrare nella formazione continua persone senza formazione post-obbligatoria, il team di autori afferma che debbano essere in primo luogo impartite le competenze di base.

Un lavoratore straniero su quattro è senza qualifica post-obbligatoria

Sebbene negli ultimi decenni in Svizzera la percentuale di persone senza una formazione post-obbligatoria sia diminuita, nel 2016 nella fascia di età dai 40 ai 64 anni era ancora del 10%, mentre nella fascia di età dai 25 ai 29 anni era di poco inferiore al 5%. Ma tra i lavoratori stranieri di età compresa tra 40 e 64 anni, una persona su quattro non ha una formazione post-obbligatoria.

Il divario tra persone ben qualificate e persone poco qualificate si sta ulteriormente allargando in termini di mantenimento delle conoscenze o di formazione continua, anche perché le persone altamente qualificate possono apprendere in modo più efficiente e quindi utilizzare in modo più produttivo gli investimenti nella formazione

Cosa può fare l’essere umano meglio dei computer?
 Che siano o meno ben qualificati, i cambiamenti tecnologici e i cambiamenti economici interessano tutti i lavoratori. In passato, tuttavia, ciò non si è tradotto in un aumento della partecipazione alla formazione continua. "Le previsioni in materia di digitalizzazione sono difficili", ha sottolineato il Consigliere federale Schneider-Ammann. Tuttavia, si può supporre che nel prossimo futuro l'intelligenza artificiale sarà in grado di svolgere numerosi compiti al posto dell’essere umano. "Non possiamo scappare dal computer", ha detto Stefan Wolter. Si dovrebbe quindi considerare come sviluppare il curriculum in modo che le persone possano svilupparsi in modo complementare ai computer. Il punto di partenza per queste considerazioni è delineato nel rapporto di formazione, almeno in misura limitata anche per la formazione continua. (RS)

Al rapporto

Silvia Steiner, presidente della CDPE , e il Consigliere federale Johann Schneider-Ammann, alla presentazione del "Rapporto sul sistema educativo svizzero 2018" a Berna. (Foto: RS)