Hauptinhalt

Rilanciare la formazione di recupero per gli adulti

  • 20.12.2019

Il sistema duale di formazione si conferma essere un modello svizzero di successo. Tuttavia, la formazione professionale di base è interamente orientata ai giovani. La trasformazione digitale, l'invecchiamento demografico e la carenza di lavoratori qualificati mettono ora in discussione questo orientamento.

Ronald Schenkel

Ci troviamo di fronte a uno sconvolgimento radicale del mercato del lavoro. Diversi studi - per esempio di McKinsey o di Avenir Suisse - ipotizzano la scomparsa di un gran numero di posti di lavoro. Al loro posto ne verranno creati di nuovi. Le persone che lavorano e il cui lavoro richiede solo semplici capacità cognitive, fisiche o manuali dovrebbero aspettarsi che il loro lavoro scompaia. Al contrario, nelle aree in cui sono necessarie competenze sociali, emotive e tecnologiche, la domanda aumenterà. Inoltre, i posti di lavoro esistenti si evolveranno o scompariranno mentre ne emergeranno di nuovi che fino a poco tempo fa nessuno aveva pensato.

Qualificazione
Come in nessun altro periodo del recente passato, i lavoratori adulti si troveranno ad affrontare l'incertezza della loro situazione lavorativa per tutta la vita. Per i lavoratori dipendenti senza una qualifica professionale o con una qualifica non più richiesta, ciò significa che il recupero di una qualifica professionale è l'unico modo per mantenere la loro occupabilità.

Nella visione "Formazione professionale 2030", lanciata già nel 2016 e la cui dichiarazione d'intenti è stata adottata l'anno scorso, la Confederazione, i Cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro riprendono questa idea. La visione pone un'attenzione molto più forte sugli adulti. La formazione professionale dovrebbe essere in grado di (ri)qualificare gli adulti con o senza qualifiche professionali consentendo loro di ottenere la prima o la ri-qualifica professionale.

Mancano offerte adatte agli adulti
Tuttavia, questo è più facile a dirsi che a farsi, in quanto l'attuale disposizione che consente agli adulti di ottenere una qualifica professionale attraverso una formazione di base regolare o abbreviata, per la maggior parte delle professioni, non è specificamente orientata alle esigenze degli adulti. Inoltre, nella maggior parte delle professioni e delle regioni mancano opportunità di formazione per adulti che preparino l'ammissione diretta all'esame finale.
Gli adulti hanno bisogno di un sistema flessibile che permetta loro di formarsi autonomamente. Il 75% degli adulti senza una qualifica professionale è occupato, può avere una famiglia, dipende da un reddito regolare e dispone di riserve di tempo limitate. Inoltre, sono persone che non hanno più bisogno di quel che è utile alla formazione dei giovani; già attraversato la fase di socializzazione che è essenziale per la vita lavorativa e, si spera, hanno un’identità consolidata. Ciò di cui gli adulti hanno bisogno sono competenze specifiche che possono acquisire in base alle loro esigenze.

Formazione continua come modello
Un sistema di formazione professionale per adulti deve quindi basarsi su concetti di formazione continua piuttosto che sul modello esistente per i giovani. Ciò richiede anche concessioni da parte delle associazioni di categoria, che dovranno ripensare i percorsi di qualificazione. È quasi ovvio che si deve considerare anche un sistema di finanziamento che permetta anche agli adulti privi delle necessarie risorse finanziarie di proseguire la formazione. I Cantoni hanno fatto un primo passo nel gennaio 2018, decidendo di coprire i costi diretti della formazione professionale, ossia i costi della scuola professionale, dei corsi interaziendali, della procedura di qualificazione e della consulenza. Il principale problema irrisolto rimane quello dei costi indiretti, in particolare la perdita di salario durante la formazione. I fondi di settore o i contratti collettivi di lavoro offrono opportunità di cofinanziamento. Tuttavia, finora non sono stati sufficientemente utilizzati per la formazione professionale degli adulti. I segnali sono verdi, ma il treno della riqualifica professionale deve ancora mettersi in moto.

Articolo apparso per la prima volta su Handelszeitung, 21 novembre 2019

Per approfondire il tema: EP sulla formazione degli adulti

La formazione professionale per gli adulti ha bisogno di essere rilanciata (Immagine: Pixabay)