Hauptinhalt

Formazione continua sulla scena internazionale

Le agende internazionali della formazione contribuiscono a promuovere lo scambio a livello mondiale e mirano a garantire che la formazione lungo tutto il corso della vita e la formazione continua degli adulti siano incorporati nei sistemi educativi e nella legislazione nazionale. Di particolare importanza per la Svizzera sono il quadro d'azione di Belém, Agenda educazione 2030 e le raccomandazioni dell'UNESCO sulla formazione continua.

CONFINTEA

La Conferenza mondiale dell'UNESCO sulla formazione continua CONFINTEA (Conférence Internationale sur l'Education des Adultes) è di straordinaria importanza per lo sviluppo mondiale della formazione lungo tutto il corso della vita. Dalla prima conferenza del 1949, altre cinque conferenze si sono tenute ad intervalli di 12 anni. Nel 2009, in occasione di CONFINTEA VI, 144 Stati hanno adottato un documento politico finale, il Quadro d'azione di Belém. Questo si concentra sulla formazione allo sviluppo sostenibile e definisce principi e obiettivi a tal fine. La Svizzera ha firmato il quadro d'azione di Belém e si impegna quindi ad attuare gli obiettivi definiti (i dettagli sono contenuti nel rapporto della FSEA sull'attuazione in Svizzera). La Commissione svizzera per l'UNESCO, con sede presso il Dipartimento federale degli affari esteri DFAE, coordina la partecipazione della Svizzera al processo CONFINTEA.

Gli Stati firmatari si impegnano a monitorare l'attuazione degli obiettivi di Belém nel loro paese. Questo monitoraggio viene pubblicato regolarmente nei rapporti GRALE (Global Report on Adult Learning and Education).

Oltre al Quadro d'azione di Belém, in occasione di CONFINTEA VI è stata adottata anche la Raccomandazione dell'UNESCO sulla formazione degli adulti. Questo contiene principi non vincolanti per l'ulteriore sviluppo delle basi giuridiche nazionali dei membri dell'UNESCO. Nell'ambito dei rapporti GRALE, l'Istituto UNESCO per la formazione lungo tutto il corso della vita effettua regolarmente osservazioni sull'attuazione.

Importanza e potenziale per la Svizzera:
CONFINTEA, il Quadro d'azione di Belém e le Raccomandazioni dell'UNESCO creano una comparabilità internazionale e permettono di riflettere sulla propria pratica nella promozione della formazione continua. Approcci efficaci provenienti da altri Paesi possono essere adattati al contesto svizzero. Il monitoraggio e la raccolta di dati quantitativi e qualitativi sulla formazione continua in Svizzera forniscono informazioni rilevanti per le decisioni politiche.

Agenda educazione 2030

Con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs), il mondo ha concordato un’ambiziosa agenda di formazione universale per il periodo dal 2015 al 2030, ancorata nell'SDG 4. L’obiettivo 4 e i suoi sotto-obiettivi sono indicati come Agenda formativa 2030 che si concentra sull'accesso alla formazione, sull'inclusione e le pari opportunità, sulla qualità e sui risultati dell'apprendimento a tutti i livelli e in vista di un approccio di formazione lungo tutto il corso della vita fino al 2030.

Per attuare l’Agenda 2030 è stato stabilito un quadro d'azione che mostra come gli impegni presi al World Education Forum 2015 di Incheon possano essere messi in pratica a livello nazionale, regionale e globale.

Importanza e potenziale per la Svizzera:
Per attuare l'Agenda 2030, il Consiglio federale ha adottato la Strategia per uno sviluppo sostenibile 2016-2019. Tale strategia funge da strumento guida sia in politica interna sia estera. La Svizzera riferisce regolarmente all'ONU sull'attuazione dell'Agenda 2030. Per la Svizzera, l'attuazione crea un potenziale per migliorare la cooperazione tra Confederazione, Cantoni e società civile.