Hauptinhalt

"La giornata digitale svizzera acquista sempre più importanza"

  • 22.09.2021

Il 10 novembre 2021 si svolgerà la quinta giornata digitale svizzera che avvicina la popolazione alla "Svizzera 4.0". Nella fase preliminare, ovvero dal 29 settembre al 9 novembre, tutte le persone interessate possono ampliare gratuitamente le proprie competenze digitali nei "Learning Labs". L’offerta nasce dalla cooperazione tra digitalswitzerland e la FSEA. – Una conversazione con Diana Engetschwiler, responsabile generale del progetto per la giornata digitale svizzera.

La giornata digitale svizzera si svolge per la quinta volta quest'anno. Cosa la rende speciale per lei e il suo team?
Diana Engetschwiler: Finora avevamo l'idea che la giornata digitale fosse concentrata in un solo giorno. L'anno scorso abbiamo dovuto apportare delle modifiche a causa del Covid. Tutto si è svolto online. E abbiamo esteso la giornata digitale a tre giornate. Tutto ciò è stato accolto molto bene. Abbiamo inoltre ricevuto dei feedback secondo cui uno o tre giorni non sono sufficienti per sfruttare al meglio le potenzialità dell'evento. Quindi abbiamo sviluppato un nuovo progetto, con una fase preliminare di sei settimane.

Diana Engetschwiler, responsabile generale del progetto per la giornata digitale svizzera

Cosa succede nella fase preliminare di sei settimane alla giornata digitale?
Da un lato, si tratta di ispirare la popolazione ad apprendere una competenza digitale. A tal fine i partner, e le associazioni in particolare, offrono corsi online e in presenza, tutto gratuitamente. Vogliamo dimostrare che non è difficile fare il primo passo e quanto sia emozionante perfezionarsi nel settore digitale. In secondo luogo, instauriamo un dialogo con la popolazione. Ci piacerebbe scoprire dalle svizzere e dagli svizzeri quali sono le sfide e le opportunità della digitalizzazione.

Il 6 e 7 novembre si svolgerà anche il female Hackathon «herHack20.21». Riguarda il posizionamento delle donne nel settore TIC, ovvero delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Poi il 10 novembre si svolgerà la giornata digitale, durante la quale riproporremo il nostro programma TV e venti località terranno ciascuna la propria giornata digitale.

Quanto grande sarà la quota di offerte online quest'anno?
Il Covid ha fatto sì che le persone sapessero molto di più sulla digitalizzazione e la stiano utilizzando in misura crescente. Tuttavia, molte persone sentono il bisogno di incontrarsi fisicamente. L'offerta è attualmente al 50:50, con una leggera tendenza verso eventi in presenza. Soprattutto per le generazioni più anziane, è molto più facile andare da qualche parte e imparare qualcosa, piuttosto che collegarsi online. Collegarsi online di per sé non è facile per chi non ha un'esperienza digitale. Offriremo circa 400 laboratori didattici gratuiti per bambini e persone anziane, sia in loco che online.

Se confronta la giornata digitale di quest’anno con la prima di cinque anni fa: fino a che punto il digitale sarà implementato in modo ancora più significativo nella prossima giornata digitale?
Cinque anni fa, abbiamo iniziato con un prototipo in tre sedi. Avevamo una portata di circa 500’000 persone. Negli ultimi quattro o cinque anni il fenomeno si è sviluppato così rapidamente che quest'anno abbiamo venti sedi in tutta la Svizzera. Ci sono interi cantoni attivi. La nostra portata è ora di due milioni di persone. Sono quindi successe molte cose. Noi continuiamo a condurre studi che dimostrano che la paura nei confronti del cambiamento digitale è stata ridotta durante questi cinque anni.

Le persone hanno una percezione sempre migliore del digitale, tuttavia, c'è un potenziale molto più grande e non ancora sfruttato. Ci piacerebbe andare anche nelle scuole, lavorare più strettamente con le piccole e medie imprese e promuovere la consapevolezza dell'importanza della digitalizzazione. Siamo quindi cresciuti molto come squadra e abbiamo sempre a bordo dei consiglieri federali. Ad esempio, Guy Parmelin ha assunto il patrocinio per il lancio dei Learning Labs nel 2020. La giornata digitale svizzera acquista sempre più importanza.

Riesce a immaginare che i Learning Labs o altri eventi diventino offerte permanenti?
A immaginarlo, ci riesco. Al momento, tuttavia, stiamo volutamente progettando le sei settimane che precedono la giornata digitale in questo modo, perché crediamo che darà alla popolazione un impulso speciale. In questa fase preliminare tutti e tutte possono mettersi alla prova. Sulla base di questo, le persone decidono se vogliono frequentare un corso specifico durante il prossimo anno. 

Le sei settimane che precedono la giornata digitale sono l’ideale per aumentare l’intensità. È un po’ come il festival del cinema, in cui si può andare al cinema per sei settimane. Ma stiamo già pensando a cosa potremmo offrire nei restanti mesi dell'anno.

Quest’anno sono già presenti delle offerte disponibili online?
Sì, carichiamo sul sito web tutti i corsi che sono già stati tenuti in precedenza in modo che possano essere nuovamente consultati. Vogliamo anche chiedere alle persone quali sono le loro ulteriori sfide o desideri. La domanda centrale della giornata digitale è «Cosa ti auguri dal futuro digitale?». Quindi, una volta ottenute le risposte, ci allineeremo.

Di cosa hanno bisogno la Svizzera, la sua economia e la sua società in termini di digitalizzazione?
Siamo ben posizionati per quanto riguarda le nostre scuole, scuole superiori e università. Ma l'affinità delle Svizzere e degli Svizzeri con il digitale può sicuramente essere ampliata. Entro il 2028 in Svizzera avremo a disposizione 35’800 specialisti TIC, troppo pochi. Tutto questo è spaventoso. Per la Svizzera, ciò significa che dobbiamo reclutare talenti dall'estero. Ma abbiamo un enorme potenziale in Svizzera, nelle nostre scuole. Ora vorremmo molto promuoverlo.

Come intendete procedere per promuovere ulteriormente il potenziale digitale?
Vogliamo portare avanti un progetto per le scuole e i giovani e la formazione continua in una partnership. Nella mente delle persone deve radicarsi l’idea che una nuova era sta iniziando e che la digitalizzazione, l'innovazione e il pensiero orientato alle soluzioni devono essere una parte integrante della scuola e di ogni tipologia di formazione, sia che si tratti di digitalizzazione che di lezioni di lavoro manuale. Questo deve semplicemente essere integrato ovunque. Un ulteriore aspetto è che soltanto il 16% del nostro personale TIC è costituito da donne, si tratta di un dato estremamente basso

Il motto della fase preliminare con i Learning Labs è «impara e parla con noi». Cosa significa?
All'inizio, ci siamo concentrati nel sensibilizzare la popolazione sul fatto che la digitalizzazione è importante per l'innovazione e che le persone iniziano a discutere l'argomento perfino a tavola. Negli ultimi due anni l’obiettivo è stato che le persone agiscano, partecipino alle discussioni e si scambino opinioni con altre persone che la pensano diversamente. 

Desideriamo che la popolazione diventi attiva, ovvero che non si limiti a essere costituita da utenti passivi di Tiktok e Instagram, ma da persone in grado di confrontarsi sul tema della digitalizzazione. Le start-up sono un buon esempio: se una start-up ha successo, allora è redditizia, l'intero ecosistema delle start-up è molto eccitante e attraente. Vogliamo motivare tutte le persone a riflettere su questo settore.

Che ruolo riveste l’offerta dei Learning Labs in questo contesto?
Il nostro obiettivo è quello di innescare una scintilla iniziale. Che qualcuno pensi: l'offerta è gratuita, l'azienda o l’associazione sono comunque eccitanti, quindi ci darò un'occhiata. Così l’ostacolo per iniziare qualcosa è molto basso. Poi ci si rende conto che è un argomento entusiasmante che si vuole assolutamente approfondire.

La nostra speranza naturalmente è che la persona continui a informarsi fino a intraprendere un percorso di formazione continua. Ecco perché ci piace lavorare con vari partner che supportano questo sviluppo. Desideriamo che le persone continuino la loro formazione. Un grande ringraziamento va a Pascal Schöni del mio team. Ha creato questo format e arricchito la giornata digitale e quindi l'offerta per la popolazione.

Quanto è digitale la vostra vita? Il Covid ha avuto un qualche effetto?
Il Covid non ha apportato grandi cambiamenti per me. Il nostro team era già molto digitale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno per lavorare è un laptop. Siamo un po’ sparpagliati, ma ci incontriamo regolarmente. Il mio ambiente di lavoro è molto digitale. Ma noto, anche con la mia squadra, che è molto importante avere anche degli scambi in presenza. Altrimenti, stai sempre seduto alle riunioni e non hai più opportunità di scambio informale, il che in realtà sarebbe molto importante. Ecco perché manteniamo un mix.

E nel suo caso specifico?
Per me personalmente, ci sono anche situazioni in cui passo molto consapevolmente al fisico. L'ho riscoperto per me stessa, prendendo un libro in mano. È una sensazione diversa rispetto a un e-reader. Penso che un equilibrio sia positivo. Il nostro futuro sarà ibrido.

E lei, cosa si augura dal futuro digitale?
Mi auguro che moltissime persone in Svizzera, ma anche nel mondo, abbiano un facile accesso all’istruzione, ad esempio tramite corsi online, che non costano molto, ma sono di alta qualità. Se tutti hanno accesso, allora non è più una questione di soldi, ma dell'individuo stesso.

Intervista: Bettina Whitmore

Learning Labs – formazione continua per tutti prima della Giornata digitale svizzera

I Learning Labs, gratuiti e facilmente accessibili, formano il kick-off di sei settimane della Giornata digitale di quest'anno. Il formato Learning Labs è lanciato congiuntamente dalla FSEA e digitalswitzerland.

Programma Learning Labs