Hauptinhalt

Conti di formazione individuale - uno strumento insidioso

  • 27.11.2019

I conti di formazione individuale possono certamente migliorare i risultati della formazione di alcuni gruppi target. Tuttavia, uno studio dell'OCSE conclude che alcune regole devono essere rispettate.

I conti individuali di formazione possono essere una risposta alle sfide del futuro del lavoro? Sì e no, conclude uno studio dell'OCSE. Nella sua relazione "Individual training accounts - Pandora's box of remedies", l'OCSE intende fornire ai responsabili politici informazioni su come si può concepire un programma. Lo fa sulla base degli insegnamenti tratti da una serie di studi di casi e di una rassegna della letteratura pertinente dei programmi esistenti e passati.

Ad oggi, è stato implementato un solo vero e proprio conto di formazione individuale, il “Compte Personnel de Formation” in Francia. Per il rapporto è stato pertanto adottato un approccio più ampio, includendo nell'analisi i singoli programmi di apprendimento e formazione continua.

Il rapporto conclude che i conti individuali di formazione non sono una panacea per le sfide del nuovo mondo del lavoro. Come ogni altra misura di formazione continua, potrebbero diventare un vaso di Pandora non appena i dettagli vengono messi in discussione, scrivono gli autori.

Sottolineano l'importanza di capire chiaramente i punti di forza e di debolezza di tali programmi. Ciononostante, danno un peso positivo al valore dei conti individuali di formazione continua in termini di migliori risultati di formazione continua.

Gli autori elencano una serie di risultati chiave emersi dall'analisi della progettazione dei conti individuali di formazione continua (e anche di programmi individuali di apprendimento e di formazione continua in senso lato).

Pertanto, indirizzare i singoli programmi di apprendimento a specifici gruppi target potrebbe contribuire a ridurre gli effetti a peso morto e il pregiudizio della formazione continua a spese delle persone poco qualificate. Tuttavia, se si vuole che il programma abbia un'influenza decisiva sui risultati della formazione continua, è necessario mettere a disposizione ingenti risorse finanziarie. I programmi di apprendimento individuali dovrebbero essere mantenuti semplici per raggiungere una cerchia più ampia possibile di partecipanti e dovrebbero essere integrati da altre misure per incoraggiare la partecipazione di gruppi sottorappresentati.

Gli autori richiamano inoltre l'attenzione sull'importanza della qualità della formazione continua. Restrizioni al tipo di formazione che può essere fornita attraverso i conti individuali di apprendimento potrebbero anche contribuire a migliorarne l'efficacia in termini di risultati individuali sul mercato del lavoro.