Hauptinhalt

Gli adulti hanno una visione positiva della formazione continua, ma spesso non continuano comunque la loro formazione

  • 15.02.2021

In un sondaggio d’opinione su larga scala sulla formazione continua condotto nell’estate 2019, il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (Cedefop) ha intervistato più di 40’000 adulti di età superiore ai 25 anni in 30 paesi. Il 96% degli intervistati considera importante la formazione continua e quasi il 70% ritiene che la sua importanza continuerà a crescere nei prossimi dieci anni. Tuttavia, i ricercatori vedono la necessità di agire.

Dopo un primo sondaggio d’opinione sulla formazione professionale iniziale nel 2017, la seconda indagine del Cedefop si è concentrata sulla formazione continua professionale e generale. Gli intervistati erano persone dell’UE, Islanda e Norvegia con più di 25 anni. La Svizzera non è stata inclusa nel sondaggio.

Il sondaggio dà l'impressione che la formazione continua sia una priorità per la popolazione adulta. In tutti i Paesi, l'88% dei lavoratori intervistati ha detto che il proprio lavoro richiede di mantenere le competenze aggiornate. Circa uno su quattro sente di non avere le competenze tecniche o generali per fare il proprio lavoro. Circa la metà degli intervistati pensa anche che la formazione degli adulti e la formazione continua professionale aiuterebbero a ridurre la disoccupazione. Tuttavia, in Paesi con un'alta disoccupazione, come l'Italia o la Grecia, questo punto di vista ha incontrato meno approvazione.

La maggioranza degli intervistati (60%) ha anche valutato la qualità della formazione continua nel proprio Paese come buona, mentre quasi un quarto (24%) l'ha valutata come scarsa. Valutata in maniera positiva nella maggior parte dei Paesi, la disponibilità di informazioni sulle offerte di formazione continua

Così, mentre il 96% degli intervistati considera importante la formazione continua e la maggior parte di loro dipinge un quadro positivo della formazione continua nel proprio Paese, i tassi di partecipazione alla formazione continua sono noti per essere molto più bassi. L'indagine del Cedefop rileva che la ragione principale della non partecipazione sia la mancanza di necessità: in 22 dei 30 Paesi esaminati, "nessun bisogno" è la ragione principale per non partecipare alla formazione continua. I ricercatori del Cedefop vedono in questo contesto la necessità di agire:
“Sebbene le persone siano favorevoli alle misure tese a incoraggiare la partecipazione all’apprendimento degli adulti e all’IFP* continua, non vi è alcuna misura per affrontare il motivo principale che le persone adducono per non parteciparvi, ovvero quello di “non averne bisogno”, anche se quasi nove intervistati su dieci con un lavoro affermino che la loro attività lavorativa comporta un mantenimento costantemente aggiornato delle competenze e circa un quarto di essi sostenga di non avere alcune competenze tecniche o generali per svolgere il proprio lavoro al livello richiesto. (Cedefop nota informativa, pag. 4)

Il Cedefop nota anche che la pandemia di coronavirus ha evidenziato l'importanza della formazione professionale e continua per lo sviluppo economico. Mentre il 45% degli adulti aveva già qualifiche basse o superate prima della crisi, la pandemia ha reso ancora più urgente aumentare i tassi di partecipazione ai corsi. Lo studio si conclude con raccomandazioni e suggerimenti per lo sviluppo di sistemi di formazione continua. L'immagine positiva della formazione continua mostrata dagli intervistati è una buona base per i decisori politici. “una solida base per rafforzare l’apprendimento degli adulti e l’IFP continua e per rendere tali modalità di apprendimento un percorso standard accessibile a questa categoria.” (Cedefop nota informativa, pag. 5)

*istruzione e formazione professionale
 
Cedefop (2021): Gli europei hanno un'alta opinione della formazione degli adulti e della formazione professionale continua

Riassunto dello studio

Rapporto completo (inglese)